8 gennaio 2020

Il re­spon­sa­bi­le delle pi­ste Dani Meyer: “Sappia­mo con suffi­cien­te esattezza dove dobbia­mo inne­va­re e quan­to”

Dani Meyer è il “Signore dei cannoni da neve” della SkiArena di Andermatt. In un’intervista spiega come funzionano i cannoni, come si può risparmiare energia innevando con neve artificiale e come vive lui stesso il cambiamento climatico in montagna.

Dani Meyer, come viene effettivamente prodotta la neve artificiale?

Dani Meyer: Per produrre la neve bisogna avere acqua, aria compressa e elettricità. L’acqua viene miscelata nel nucleatore con l’aria compressa. Si crea così un nucleo al quale possono aderire le goccioline d’acqua provenienti dagli ugelli. Mediante la gittata dell’elica o dell’altezza di caduta della lancia la goccia d’acqua si congela e si trasforma in neve.

Come sciatori o snowboarder si percepisce quando si scia su neve artificiale. Perché?

Meyer: A differenza della neve naturale, la neve artificiale non è a forma di stella, ma rotonda e molto più densa perché si creano più legami. Quando si scia sulla neve artificiale, si ha la sensazione che sia più compatta.

Cannone sparaneve in funzione a bordo pista illuminato dal sole

Qual è il consumo di energia elettrica dei generatori di neve? Sono tutti uguali?

Meyer: No. Una lancia ha bisogno di una quantità relativamente esigua di elettricità, poiché praticamente si deve solo generare aria compressa. Da circa 0,2 a 4 kilowatt a seconda del sistema e del tipo. Le macchine a ventola richiedono più elettricità, circa 18 kilowatt per macchina. Tuttavia, dipende anche dalla topografia, ovvero da dove si trova il generatore di neve e da quanta energia elettrica viene utilizzata per produrre la neve.

Come si produce la neve?

Meyer: Il modo più economico e vantaggioso per produrre neve è utilizzare la pressione intrinseca delle acque correnti naturali, ovvero usare l’acqua direttamente da un ruscello di montagna. È il caso, ad esempio, del Gurschen nel Gemsstock. Invece, a Nätschen, sull’altro versante, prendiamo l’acqua dal lago di Oberalp. Quanta acqua possiamo prelevare dal torrente, dipende molto dalle condizioni autunnali ovvero da quanto ha piovuto. E, in generale, più è freddo, più diventa difficile man mano che la quantità d’acqua diminuisce. Naturalmente, qui ci sono anche disposizioni legali sulla quantità d’acqua che si può prelevare dal lago o da un ruscello, ma non abbiamo mai raggiunto il limite prescritto.

Vista notturna dal Gemsstock su Andermatt illuminato. In primo piano un cannone sparaneve per l'innevamento artificiale.

Quanta neve viene prodotta tecnicamente nel comprensorio sciistico SkiArena?

Meyer: Dipende da quanta neve naturale c’è già e da quanto è secca l’aria. Produciamo spesso neve soprattutto quando nevica presto in inverno, perché si lega bene con la neve naturale.

Producete quanta più neve possibile?

Meyer: No. Inneviamo sul lato ombreggiato in autunno e poi fino a dicembre, raramente fino a gennaio. Quello che facciamo è aggiungere neve artificiale a quella naturale in modo che ce ne sia abbastanza fino alla primavera. Tuttavia, cerchiamo di lavorare con meno neve artificiale possibile. Per esperienza sappiamo con più o meno esattezza dove dobbiamo innevare. Inoltre, avendo a disposizione i dati di consumo di acqua per pozzo dell’anno precedente, teniamo conto di queste ulteriori indicazioni.

In quale altro modo si può risparmiare energia quando si effettua l’innevamento artificiale?

Meyer: In futuro desideriamo investire in sistemi basati su GPS per macchine da pista che misurano la profondità della neve e indicano quanta neve c’è e dove si trova. Il vantaggio è che si può distribuire la neve artificiale in modo molto più preciso e questo ci consente di risparmiare fino al 20% di neve artificiale. Attualmente lo stiamo testando su due macchine nel Gemsstock e a Sedrun.

E le macchine da pista? Anche queste consumano molto carburante …

Meyer: C’è molto da fare anche con le battipista, ci sono veicoli ibridi che usano fino al 20% di diesel in meno. Ma dipende molto dal conducente: con uno stile di guida ecologico si può risparmiare molto sul consumo di carburante.

Cannone sparaneve per l'innevamento artificiale in funzione di notte accanto ad un battipista

Come percepisci il cambiamento climatico in montagna?

Meyer: Le finestre temporali per l’innevamento artificiale si sono accorciate, raramente fa freddo per periodi di tempo più lunghi e tende a fare sempre più caldo. Bisogna essere pronti per l’azione più velocemente. Allo stesso tempo, le aspettative degli appassionati di sport invernali sono aumentate enormemente negli ultimi 10 a 15 anni. Oggi si vuole sciare a novembre. Questa è una grande contraddizione.

In che misura flora e fauna sono influenzate dalla neve artificiale?

Meyer: Abbiamo effettuato delle analisi in corrispondenza del collegamento con il comprensorio sciistico per garantire che l’acqua di un lago con una composizione diversa da quella in loco non venga portata in montagna. In particolare, si tratta della composizione dei minerali. Con la neve artificiale abbiamo meno danni meccanici alla flora e alla fauna.

E qual è stato il risultato?

Meyer: L’acqua è la stessa e quindi non disturbiamo il ciclo dell’acqua: l’acqua arriva in montagna, si trasforma in neve e rifluisce nel lago come acqua di disgelo in primavera. Certo, un pendio innevato artificialmente impiega più tempo a sciogliersi, ma anche una pista innevata naturalmente impiega più tempo a sciogliersi rispetto alla neve in una natura incontaminata.

Cenni personali

Dani Meyer è nato e cresciuto ad Andermatt. Ha completato la formazione professionale come meccanico di macchine agricole. Nel 2009 ha iniziato a lavorare come macchinista presso gli impianti di risalita di Andermatt. Oggi, Meyer è il vicecapo del servizio di soccorso piste, dove si occupa di ambiti tecnici quali la manutenzione dei veicoli, l’innevamento e la preparazione delle piste.

Altre storie da Andermatt

Impostazione cookie

Il sito Web utilizza i cookie: i cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti l'impostazione dei cookie da parte nostra. Saperne di più